Mare Nostrum di Mara Ruzza

Mare Nostrum di Mara Ruzza

Con questo nuovo progetto, l'artista padovana mette in luce le tematiche della bellezza e della cultura, così come la forza della natura e gli elementi arcaici. Una mostra che inaugura giovedì 11 luglio alle ore 18:30 e rimane aperta a ingresso libero.

Sensibile ad un vivere ecosostenibile, Mara Ruzza riutilizza gli scarti della società, che stanno soffocando la natura: in "Plastisfera" riflette sulla fragilità dell'ambiente acquatico contrapponendo materiali naturali, come la ceramica, a residui inorganici spiaggiati, come la plastica e il ferro. Con la porcellana evoca il prezioso corallo bianco del Mediterraneo, emblema del rischio di estinzione dovuto all'inquinamento. "White coral" viene declinato in scultura, installazioni e microsculture che si possono indossare grazie alla collaborazione con maestri orafi. Di grande attualità la ricerca fotografica, confluita dal 2011 nella particolare tecnica della fotoceramica, con vedute di Venezia da uno specchio deformato. Ne risulta un effetto di sprofondamento, da cui la riflessione sulle Grandi navi e sull’effetto devastante di una città in equilibrio sull’acqua.

Le opere portano alla luce emergenze e conflitti mentre l'azzurro traboccante augura l'abbondanza di ”acqua pulita”. La forma ricorrente del triangolo equilatero traduce nel linguaggio contemporaneo una simbologia universale e divina: l'unione equilibrata e dinamica di tutte le parti, armonia e sintesi di poli opposti.

Un percorso tra ceramiche, fotografie e video sui temi di acqua e natura

Sala della Gran Guardia | H. 10:00
Piazza dei Signori
35121   Padova  
11/07/2019 - 18/08/2019