Cimitero ebraico di Via Wiel

Cimitero ebraico di Via Wiel

Il più antico dei cimiteri ebraici rimasti  in Padova è quello di via Wiel, è stato utilizzato dal XVI sec.  fino al XVIII situato fuori dalle mura medievali , protetto però dai bastioni cinquecenteschi. Fu ingrandito nel 1653 grazie a Salomone Marini, rabbino della “Università degli hebrei Potughesi di Padova”.

 Il cimitero fra le molte sepolture ospita la tomba di Meir Katzenellenbogen nato a Praga nel 1473 e morto a Padova nel 1565 autore dei “Responsa”, nei quali  esemplifica la funzione di dottori della legge per i rabbini dell’epoca, più che di intermediari tra i fedeli e Dio. La tomba di rav Meir  e quella del figlio Samuel, anche lui rabbino talmudista, richiamano  ancor oggi visite da tutto il mondo, come è evidenziato dalle piccole pietre poste sulla sua lapide.

Altra celebre lapide è quella di Abram Catalan medico padovano; durante la peste del 1630-31 fu incaricato assieme ad altri tre medici ebrei, di vigilare sulle condizioni di vita nel ghetto, prendendo le misure necessarie per contenere il contagio. Nel ghetto padovano risiedevano allora 727 persone, delle quali 634 furono colpite dalla peste, 421 ne morirono. Questi morti sono stati probabilmente sepolti in fosse comuni visto che delle loro lapidi non si è trovata traccia nel cimitero.

La visita guidata è ogni II Domenica del mese alle h10,15

ritrovo all'ingresso via Isidoro Wiel.

Monumenti
via Wiel
Padova   (PD)  
Tel: +39 049661267


Note visite: 
La visita guidata è ogni II Domenica del mese alle h10.15 ritrovo all'ingresso via Isidoro Wiel. Vedi www.facebook.com/JewisheritagePadua/