MUSME Museo di Storia della Medicina in Padova

MUSME Museo di Storia della Medicina in Padova

La Provincia di Padova è uno degli orgogliosi soci fondatori del museo Musme ed è il proprietario dell'immobile che lo ospita.

Ha sede nel complesso monumentale dell’antico Ospedale di San Francesco costruito nella seconda metà dell’anno 1414.

I proprietari del terreno Baldo dei Bonafari e sua moglie Sibilia de’ Cetto, sposi dal 1390, vollero e finanziarono questo edificio con mezzi propri.
Caratteristiche peculiari di questa realizzazione di volontà esclusivamente padovana, oltre al finanziamento privato, furono l’origine laica e la sua collocazione nel centro cittadino, per sopperire alle esigenze sanitarie e assistenziali della popolazione urbana.
L’ospedale di San Francesco fu attivo sino al 29 marzo del 1798 quando fu sostituito da un nuovo ospedale posto fuori della porta di Ponte Corvo nella vecchia sede del convento dei Gesuiti di Padova. Il nuovo ospedale sempre intitolato a San Francesco fu voluto ed in parte finanziato dall’allora vescovo di Padova Nicolò Giustiniani. Alla morte del vescovo  il nuovo ospedale prenderà il nome di Ospedale Giustinianeo.
Il Palazzo che ospita il MUSME è di proprietà della Provincia di Padova che, nel 2008, ha istituito la Fondazione Musme di cui fanno parte, oltre alla Provincia stessa, la Regione Veneto, il Comune di Padova, l’Università, l’Azienda Ospedaliera e l’ULSS n.16.

I reperti e il percorso Museale
Il MUSME puo’ vantare una collezione di oltre 300 reperti grazie al contributo del patrimonio storico dell’Università di Padova, dell’Azienda Ospedaliera, dell’Archivio di Stato e dei Musei Civici
La visita al MUSME si articola in 6 sale principali, un teatro anatomico di “nuova generazione” e 8 spazi espositivi tematici dedicati ognuno ad un organo/apparato.
Le sale al piano terra sono destinate alla storia della struttura che ospita il museo (e all’Università di Padova nel Cinquecento, anni in cui nascono strutture che fanno di Padova un’eccellenza a livello europeo: teatro anatomico (1594) e orto botanico (1545).
In queste sale sarà possibile, con un piccolo trucco, “sfogliare” fisicamente antichissimi volumi senza il timore di rovinarli e studiare, su un grande tavolo touch antichi documenti sull’Ospedale e sul lavoro di restauro fatto sull’edificio.
Le 4 sale ai piani superiori, invece, rispondono ai grandi quesiti che la Medicina si è posta, nei secoli, relativamente al Corpo Umano:
-    Come è fatto? Sala di Anatomia
-    Come funziona? Sala di Fisiologia
-    Come si ammala? Sala di Patologia
-    Come si cura? Sala di Terapia

Grazie al supporto delle tecnologie, in queste sale il visitatore potrà, tra le altre cose, vedersi riflesso su un magico specchio che gli mostrerà i suoi organi, le ossa e i muscoli; potrà auscultare cuore e polmoni come se fosse un vero medico e vedere al microscopio i principali agenti patogeni causa delle principali malattie oggi note.
La visita continua poi attraverso il grande “ballatoio” che da’ su un  moderno “Tavolo settorio” dove si trova la sagoma del grande uomo Vesaliano: un uomo di otto metri su cui, grazie a delle proiezioni mappate, sarà possibile assistere ad innovative lezioni di anatomia, analizzando organi e apparati a cui sono dedicati poi anche gli spazi espositivi che circondano il “teatro”.
L’intero percorso puo’ essere seguito, da chi lo desidera, anche grazie al supporto di illustri “tutor virtuali”, che il visitatore potrà “attivare” a suo piacimento. 

Musei
MUSME Museo di Storia della Medicina
Via San Francesco 94
35121   Padova   (PD)  
Tel: +39 049658767


Autobus: 
Tram, A, T, AT, 2, 3, 5, 8, 11, 12, 13, 14, 16, 22 – fermata “Ponti Romani”
Orario invernale: 
Da martedì a venerdì 14.30-19. Sabato, domenica e festivi 9.30-19
Orario estivo: 
Da martedì a venerdì 14.30-19. Sabato, domenica e festivi 9.30-19
Chiusura: 
Lunedì non festivi (chiuso 25 dicembre e 1 gennaio)
Note visite: 
Biglietti: € 10-8-6. Family Ticket € 22.