Rassegna Musikè | CINZIA SPANO, Tutto quello che volevo. Storia di una sentenza.

20 OTT 2022
Cinema e teatro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Musikè è la rassegna di musica, teatro, danza promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Giovedì 20 ottobre alle ore 21, al Piccolo Teatro Don Bosco di Padova l’attrice e autrice Cinzia Spanò porterà in scena Tutto quello che volevo. Storia di una sentenza, opera da lei scritta e interpretata, per la regia di Roberto Recchia, dedicata a un caso mediatico e giudiziario senza precedenti: quello delle due ragazzine di 14 e 15 anni, studentesse di uno dei migliori licei della capitale, che si prostituivano dopo la scuola in un appartamento di viale Parioli.

La storia che lo spettacolo racconta unendo la parola alle videoproiezioni, è quella di Paola Di Nicola, chiamata a pronunciarsi sul risarcimento del danno per le vittime, oltre che sulla condanna per i clienti, tutti appartenenti alla cosiddetta “Roma bene”, professionisti affermati, insospettabili padri di famiglia. La Giudice si accorge subito che nessuna cifra potrà mai restituire alle ragazze quello che è stato tolto loro.

«Com’è possibile risarcire quello che questa ragazza che ha barattato per denaro dandole altro denaro? Se io disponessi di risarcirla in questo modo, non farei che ripetere la modalità di relazione stabilita dall’imputato con la vittima, rafforzando in lei l’idea che tutto sia monetizzabile, anche la dignità. E come può il denaro proveniente dall’imputato, il mezzo cioè con cui lui l’ha resa una merce, rappresentare per quella stessa condotta il risarcimento del danno?».

Con Tutto quello che volevo Cinzia Spanò prosegue la riflessione sul femminile attraverso l’incontro tra due figure molto diverse, ma legate entrambe dal bisogno di collocarsi dentro la propria storia per diventare pienamente ciò che sono. All’epoca, infatti, attraverso una narrazione fondata prevalentemente sugli stereotipi, i media hanno inquinato la lettura collettiva della vicenda. Lo stigma è caduto soprattutto sulle giovani, che proprio in virtù del fatto di non essere percepite come vittime sono diventate vittime una seconda volta.

Ingresso gratuito con prenotazione sul sito www.rassegnamusike.it.

tag:

Può interessarti anche

Cantanatale

La vedova allegra

Il Natale canta la Pace in Ucraina

Incontro con l’Autore

Resta in contatto

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sugli eventi e le attività della città di Padova.