Tra Oriente e Occidente

23 AGO - 11 SET 2022
Mostre e festival
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La mostra Tra Oriente e Occidente. Dotti bizantini e studenti greci nel Rinascimento padovano vuole restituire questo intreccio di relazioni tra uomini, libri e testi, grazie a una selezione di manoscritti e edizioni a stampa conservati nelle biblioteche di Padova. Alcuni di essi sono straordinari capolavori d’arte, come il Dioscoride bizantino o l’incunabolo di Omero, altri sono modesti quaderni di studio, grammatiche o appunti. Alcuni sono pezzi famosi, altri sono qui esposti per la prima volta.

Tutti testimoniano della straordinaria fioritura degli studi greci e di come lo studio delle opere antiche influì in maniera decisiva sulla cultura letteraria, filosofica e scientifica dell’Europa rinascimentale.
Gli studenti, riuniti nella natio Ultramarina, frequentano i corsi dello Studio per conseguire il dottorato (o laurea) che permetterà loro di fare carriera in patria o in Italia. Gli umanisti coltivano lo studio del greco, accanto a quello del latino, inizialmente al di fuori dell’Università, avvalendosi dei dotti bizantini provenienti dall’Oriente come maestri, traduttori, copisti. I percorsi degli studenti e degli umanisti si incontrano raramente: un’eccezione illustre è Giovanni Argiropulo, già professore a Costantinopoli, che giunge a Padova come studente (1441-1444) e collabora con l’esule fiorentino Palla Strozzi, uno dei primi allievi del maestro bizantino Manuele Crisolora.

Nel 1463 il greco diviene materia di studio nell’Università: lo insegna un professore ateniese, Demetrio Calcondila, che inaugura una cattedra che sarà a lungo prestigiosa.
Padova, favorita anche dalla vicinanza con Venezia, diviene uno dei centri principali in Italia per lo studio della lingua e della letteratura greca antica.
Le collezioni di manoscritti greci crescono di numero e di importanza, il ruolo dei professori, greci e italiani, nella riscoperta dei testi antichi, nel loro studio, nella loro pubblicazione grazie al nuovo mezzo della stampa, che fiorisce a Venezia, è determinante. Studenti di tutta Europa, come Erasmo da Rotterdam, coltivano qui il loro interesse per la letteratura antica.

Ingresso libero
Orario: da martedì a domenica 10 – 19, chiuso i lunedì non festivi

tag:

Corso Garibaldi, 33, Padova
(0039) 049 8205664

Può interessarti anche

La vedova allegra

Il Natale canta la Pace in Ucraina

Incontro con l’Autore

800 Padova Festival

Resta in contatto

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sugli eventi e le attività della città di Padova.