Benvenuti nel Camposampierese

Itinerario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

E questa nostra vita, via dalla folla, trova lingue negli alberi, libri nei ruscelli, prediche nelle pietre, e ovunque il bene.” William Shakespeare

Piacere, questo è il Camposampierese. Un territorio che è insieme tradizione, devozione, cultura, natura, villeggiatura, cicloturismo, centuriazione romana. L’itinerario qui proposto vi condurrà alla scoperta dei Comuni della Federazione del Camposampierese, un’area che si sviluppa a nord di Padova, caratterizzata da una forte vocazione rurale.
Sono due i tratti che plasmano la morfologia della zona: un paesaggio lineare e geometrico, disegnato all’alba del I secolo a.C e che caratterizza il Graticolato Romano dell’Agro Padovano e una natura resa particolarmente rigogliosa dai numerosi fiumi di risorgiva. Le tracce della Centuriazione Romana sono riunite nel Museo di Borgoricco, luogo che raccoglie il genius loci della zona e inserito in una struttura progettata dall’architetto Aldo Rossi.
La campagna è invece dominata dalla presenza di numerose vie d’acqua e di importanti aree naturalistiche: quella sul fiume Sile è un esempio.
Il Camposampierese è un reticolo di piste ciclabili e il percorso che vi proponiamo è molto semplice, da svolgere in piena autonomia, in sella alla bicicletta e adatto a ogni tipo di gamba, anche alle famiglie con bambini.

Questo percorso ideale è di due giorni.

Partendo da Padova dovete seguire le indicazioni del Cammino di Sant’Antonio verso nord: con il fiume Muson dei Sassi al vostro fianco arriverete dopo circa 20 km a Camposampiero. La cittadina rappresenta uno snodo fondamentale per comprendere appieno la figura di Sant’Antonio, che nel romitorio sul Noce ha trascorso le ultime settimane di vita terrena. I Santuari Antoniani di Camposampiero a lui dedicati sono scrigni di una storia intensa, espressa anche nella decorazione pittorica presso il Noce, opera di una scuola di affrescanti del Cinquecento dalla città di Padova. All’ombra delle due torri medievali si conclude la visita a Camposampiero e di nuovo in sella alla bicicletta si imbocca la pista ciclabile Treviso-Ostiglia in direzione est. Superata Loreggia si giunge a Piombino Dese, seconda tappa del nostro itinerario. La pista ciclabile, definita dalla Regione Veneto come Itinerario 5 (I5), ripercorre una vecchia ferrovia. Ombreggiata da robinie, aceri e querce, la pista è una sorta di bosco lineare interrotto solo dalle originali stazioni ferroviarie, oggi in via di valorizzazione. La sosta a Piombino Dese ci permette di recuperare una delle identità chiave di questo territorio: la presenza di ville venete e dimore storiche. Nel cuore del paese sorge Villa Cornaro, nobilissima architettura e primo grande trionfo di Andrea Palladio. La villa è Patrimonio dell’UNESCO ed è attualmente in corso di ristrutturazione. Ripresa la pista ciclabile si giunge al Bike Park km 99, uno spazio attrezzato per chi pedala. Vi suggeriamo di sostare qui per riprendere energia e affrontare la seconda parte della visita che vi porterà alla scoperta della splendida Ca’ Marcello. Sorta nel Cinquecento, la villa fu allargata e decorata verso la metà del XVIII secolo: è oggi aperta regolarmente ogni prima e terza domenica del mese e in occasione di altri eventi che si svolgono. Si conclude così una giornata memorabile nella quiete di un territorio rurale.
La seconda giornata alla scoperta del territorio inizia con la visita all’Oratorio di San Massimo, in località Borghetto: approfittate delle visite gestite dal Comitato che cura l’area e prima di ripartire riempite la vostra borraccia d’acqua di risorgiva! E’ tempo di rientrare verso Padova: seguite il tracciato del fiume Tergola per conoscere altri luoghi caratteristici di Valle Agredo. Concedetevi una deviazione verso il Museo della Centuriazione Romana, nominato poco sopra, che dista pochi minuti dal tracciato e ne vale sicuramente la pena. Così come la visita alla bella Villa Baglioni, sede del Comune di Massanzago, lascerà sicuramente un segno indelebile con i suoi splendidi affreschi del Tiepolo. Siete ora giunti sul tracciato del fiume Tergola: una 15 di km circa vi separano dall’Anello fluviale di Padova. Il panorama è rigoglioso e le anse del Tergola regalano piacevoli scorci. A breve incontrerete Tergolandia, un parco artistico-naturalistico che si snoda per circa 1 km e mezzo e vivacizzato dalla presenza di statue e installazioni realizzate con materiali inermi. Al termine del percorso incontrerete la bella chiesa campestre denominata di Campanigalli o del Panigale. Scrutate tra le pietre per cogliere le tracce del passato e riempite anche qui la vostra borraccia di acqua fresca: servirà per le ultime pedalate prima di giungere a Padova.

Per informazioni:
Ufficio Informazioni Accoglienza Turistica IAT Valle Agredo
tel. +39 049 9315608
www.valleagredo.it info@valleagredo.it

Il territorio di Valle Agredo. Comuni di: Borgoricco, Campodarsego, Camposampiero, Loreggia, Massanzago, Piombino Dese, San Giorgio delle Pertiche, Santa Giustina in Colle, Villa del Conte, Villanova di Camposampiero.

Tag:

Può interessarti anche

Cicloturismo in città e nei dintorni

Le Terme e i Colli Euganei

Cammini e ciclovie

Padova città d’acque

Resta in contatto

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sugli eventi e le attività della città di Padova.