Caruso Tenore

6 MAG 2022
Musica e concerti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Cosa occorre a un grande cantante? Un gran torace, una grande bocca, il 90 per cento di memoria, il dieci percento di intelligenza, molto duro lavoro e qualcosa nel cuore! dichiarava Enrico Caruso. Con un n uovo appuntamento del Circolo della Lirica di Padova a Palazzo Zacco, si snoda un viaggio appassionante tra i luoghi della vita e della straordinaria carriera artistica di un mito italiano nel mondo, il tenore Enrico Caruso. A Napoli il 2 agosto 1921, a soli 48 anni moriva il tenore che da allora viene definito il cantante più bravo del mondo e di tutti i tempi.

Figlio di un metalmeccanico e di una donna delle pulizie, divenne presto la voce di Napoli nel mondo, quella Napoli che amò profondamente ma da cui si sentì tradito. La leggenda racconta che il suo debutto al San Carlo il 30 dicembre 1901, con L’Elisir d’amore di Donizetti, fu un fiasco. I fischi, pare, non ci furono, ma feroci critiche sì. Il mondo culturale napoletano era ancora legato allo stile canoro ottocentesco e non riuscì a capire la grandiosità del suo figlio più illustre. Questo fu probabilmente uno dei motivi che poi lo spinsero ad accettare la scrittura al Metropolitan Opera House di New York. Oltreoceano Caruso divenne la prima vera star internazionale di tutti i tempi.

La leggenda di Caruso inizia molto prima della sua morte esattamente con la risonanza generosa del pubblico americano, alimentata dalla forte e appassionata componente italiana, che egli volle e seppe interpretare con l’immediatezza sincera e il talento della migliore lega partenopea. Il brio, la passione, il sentimento ma la malinconia, soprattutto, trasparivano nella sua voce e trasmettevano l’autenticità di valori popolari, al di là dalla particolarità dei testi musicali.

Un racconto, con immagini e suoni condotto da un narratore, un’attrice e un pianoforte, su un uomo considerato dalla critica e dagli appassionati tra i più grandi tenori di fama mondiale per carisma e temperamento Il critico musicale Athos Tromboni conduce il racconto, con immagini e video. Letture a cura dell’attrice Simonetta Flauto. Al pianoforte Giulia Valli.

tag:

Prato della Valle, 82, Padova
(0039)3489051968

Può interessarti anche

Moviechorus in concerto per Padova

VISITE ANIMATE® AL MUSME

Visite guidate al Roseto di Santa Giustina

Il Giugno Antoniano

Resta in contatto

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sugli eventi e le attività della città di Padova.