Palazzo Cavalli

Musei e gallerie d'arte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Sito lungo una delle principali arterie che immettono al centro storico, Palazzo Cavalli deve il suo nome alla famiglia che lo edificò e lo abitò per quasi tre secoli: la sua costruzione, negli anni sessanta del Cinquecento, è legata all’affascinante figura di Marino Cavalli il Vecchio, ambasciatore veneziano in contatto con le principali potenze europee. Il palazzo fu rinnovato a cavallo tra il XVII e il XVIII secolo per iniziativa di Federico Cavalli e della moglie Elisabetta Duodo, che commissionarono l’imponente apparato decorativo tuttora conservato.
Dal 1892 ospitò la Scuola di Applicazione per Ingegneri dell’Università di Padova e dal 1932 le collezioni del museo di Geologia e Paleontologia: i primi materiali sono stati donati all’università, come altre collezioni museali, da Antonio Vallisneri senior nel 1734, per poi arricchirsi con il passare degli anni.

Il museo ospita quattro sezioni: rocce, invertebrati fossili, vertebrati fossili e piante fossili (paleobotanica).
I visitatori possono ammirare la Sala delle Palme, che deve il suo nome alle centinaia di resti di palme fossili del Paleogene del Veneto, i pesci fossili di Bocca, i coccodrilli e i sereni di Roncà e i mammiferi primitivi di Monteviale, preziosa testimonianza del clima tropicale che caratterizzava la regione tra i cinquanta e i venticinque milioni di anni fa. Si aggiungono anche i resti degli animali vissuti durante le ultime glaciazioni: orsi delle caverna, cervi giganti, tigri dai denti a sciabola, ricoveranti lanosi, mammut e molti altri.

Per informazioni:

e-mail: prenotazioni.musei@unipd.it
tel. +39 0498272074

Tag:

Via Giotto, 1, Padova
(0039) 049 8272049

Resta in contatto

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sugli eventi e le attività della città di Padova.