Centro d’Arte degli Studenti dell’Università di Padova

Il Centro d'arte di Padova

Musica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Da oltre settant’anni il Centro d’Arte offre occasioni per ascolti intensi, stimolanti, avventurosi.  Musica di oggi, senza aggettivi, in continua trasformazione. Ogni concerto sarà una scoperta e una sorpresa.

Il Centro d’Arte si costituì nell’autunno del 1945 per iniziativa di alcuni studenti dell’Università di Padova. Nato come libera associazione studentesca, si prefissava il compito di far conoscere al pubblico universitario tutte le ultime tendenze in ambito artistico – rivolgendo i propri interessi alla letteratura, alla pittura, alla musica. Fu in assoluto la prima associazione del genere in Italia.
Fin dall’inizio l’attività del Centro d’Arte si focalizzò prevalentemente nell’ambito concertistico con regolari stagioni di musica da camera (successivamente organizzate con gli Amici della Musica di Padova); ampliando poi l’orizzonte alla musica contemporanea, di ricerca, alla musica jazz, alla sperimentazione musicale in senso lato. Una curiosità che nel tempo si è estesa anche alla musica popolare, europea ed extraeuropea, dai canti tradizionali veneti alle danze folkloristiche provenzali, dal repertorio vocale arabo ai raga indiani.

Nella sua attività, il Centro d’Arte ha mantenuto costante l’interesse per le esperienze artistiche contemporanee e l’alto livello degli interpreti invitati. Di questi ricorderemo nella storia Friedrich Gulda, Arturo Benedetti Michelangeli, Andrès Segovia, David Tudor, Karlheinz Stockhausen e, negli anni più recenti, Sylvano Bussotti, Frederic Rzewski, Terry Riley, Carl Stone.

A partire dagli anni ‘50 iniziano anche le prime rassegne di Jazz, che propongono un cartellone che ospita i nomi più importanti della scena internazionale: Gerry Mulligan, il Modern Jazz Quartet, Lennie Tristano, Chet Baker, Thelonious Monk, Earl Hines, Art Farmer, Gil Evans; e ancora le tendenze più avventurose come Cecil Taylor, Ornette Coleman, Art Ensemble of Chicago, Anthony Braxton, Steve Lacy, Paul Bley e molti altri.

Dopo qualche anno di silenzio, dal 1992, il Centro d’Arte ha ripreso la rassegna internazionale di jazz che ha ospitato, tra gli altri, Tim Berne, John Zorn, Bill Frisell, Elvin Jones, Michel Portal, Jimmy Giuffre, Henry Threadgill, Joshua Redman, Paul Motian, Joe Lovano, Lester Bowie, William Parker, Wadada Leo Smith.

Infine lo sguardo sempre attento alla conoscenza di giovani talenti, ha imposto definitivamente al pubblico artisti come Dave Douglas, Myra Melford, Ray Anderson, Brad Mehldau, Uri Caine, e in anni più recenti Ken Vandermark, Rob Mazurek, Mats Gustafsson, solo per citarne alcuni.

Il Centro d’Arte, in quanto diretta emanazione della realtà universitaria, si rivolge in primo luogo al pubblico degli studenti con lo scopo di offrire una serie di attività culturali integranti l’insegnamento universitario e inerenti il mondo della cultura e dell’arte contemporanea.

Per informazioni

CENTRO D’ARTE DEGLI STUDENTI DELL’UNIVERSITÀ DI PADOVA
via L. Luzzatti 16b, 35121 Padova – tel. 049 8071370
info@centrodarte.it – www.centrodarte.it

Può interessarti anche

Agevolazioni per studenti a Padova

Tony Gallo: l’onirico sui muri

Resta in contatto

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sugli eventi e le attività della città di Padova.